X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

FISCO

Se nell’immobile si svolge attività commerciale, l’ente religioso paga l’ICI

L’esenzione non si applica anche se il ricavato è destinato a fini sociali

/ Antonio PICCOLO

Venerdì, 14 marzo 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Anche gli enti religiosi sono soggetti passivi dell’ICI e, per gli immobili in cui si svolgono attività diverse da quelle di religione e di culto, sono tenuti a corrispondere l’imposta. Lo ha riaffermato Cassazione che, con ordinanza n. 5871 di ieri, ha accolto il ricorso di un Comune. Nel caso di specie, un ente religioso era stato raggiunto da un avviso di accertamento con il quale il Comune ha preteso il pagamento dell’ICI per l’anno 2002 con riferimento a quattro fabbricati. Secondo l’ufficio impositore, detti immobili non potevano rientrare nel regime di esenzione, poiché negli stessi l’ente religioso non svolgeva in modo esclusivo alcuna attività degna del trattamento di favore, come stabilito dalla lettera i) del comma 1 dell’art. 7 del DLgs.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU