X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Estratti di ruolo non impugnabili

La Suprema Corte ha precisato che tali atti sono autonomamente impugnabili solo se previsto da norme specifiche o se sono notificati da soli

/ Alessandro BORGOGLIO

Giovedì, 20 marzo 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza 6395 di ieri, la Suprema Corte ha ribadito che l’estratto di ruolo costituisce soltanto un atto interno dell’Amministrazione finanziaria e, quindi, non può essere autonomamente impugnato innanzi alle Commissioni tributarie.

La decisione si innesta in quel filone giurisprudenziale di legittimità secondo cui l’estratto di ruolo deve essere impugnato unitamente all’atto impositivo, notificato generalmente con la cartella di pagamento in cui il ruolo viene trasfuso, e in mancanza della quale non sussiste un interesse concreto e attuale del contribuente a instaurare una lite tributaria (ex pluris, Cass. 6610/2013).
I giudici di legittimità hanno precisato, con la pronuncia di ieri, che, in realtà, l’estratto di ruolo è autonomamente impugnabile quando ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU