X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Usufrutto legale al test del capital gain

Si sommano alla propria partecipazione i diritti di voto relativi alle azioni possedute in usufrutto perché di proprietà del proprio figlio minore

/ Salvatore SANNA

Giovedì, 20 marzo 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 6360 del 19 marzo 2014, la Corte di Cassazione è intervenuta sul tema dell’individuazione delle partecipazioni qualificate presenti nel portafoglio di una persona fisica che non svolge l’attività di impresa.

Nel caso di specie, un soggetto ha ceduto una partecipazione pari a circa il 17% del capitale di una società per azioni ritenendola una cessione di una partecipazione non qualificata, non considerando però gli effetti del fatto che circa il 33% delle azioni delle medesima società risultavano di proprietà della propria figlia minore.

Secondo l’art. 67 del TUIR, perché la cessione di una partecipazione possa definirsi qualificata occorre che la medesima rappresenti, in alternativa, una percentuale superiore:
- al 20% dei diritti di voto esercitabili nell’assemblea ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU