X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 28 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Esdebitazione valida anche ai fini tributari

Per i soci di snc, vengono meno anche i debiti propri della società, così come quelli per l’IRPEF imputata per trasparenza

/ Alfio CISSELLO

Mercoledì, 9 aprile 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La riforma fallimentare di cui al DLgs. 5/2006 ha introdotto alcune novità di rilievo nell’ambito della disciplina del fallimento di cui al RD 267/42, tra le quali si segnala l’istituto della esdebitazione (art. 142 del RD 267/42).
In base a ciò, il fallito persona fisica è ammesso al beneficio della liberazione dai debiti residui nei confronti dei creditori concorsuali non soddisfatti, con la conseguenza che, una volta chiusa la procedura, l’imprenditore può aprire una nuova attività.

L’esdebitazione può essere concessa solo qualora si verifichino le condizioni elencate dal ricordato art. 142 (ad esempio, il fallito deve avere cooperato con gli organi della procedura), e non può essere disposta se non sono stati soddisfatti, neppure in parte, i creditori concorsuali. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU