Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 1 luglio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Illecita influenza sull’assemblea anche senza simulazione

Per la Cassazione la nozione di atti simulati non è da intendere in senso civilistico, ma da inquadrare in una tipologia di comportamenti più ampia

/ Maurizio MEOLI

Mercoledì, 30 aprile 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai fini dell’integrazione della fattispecie di illecita influenza sull’assemblea (art. 2636 c.c.) rileva la ragione obiettiva dell’atto posto in essere e, quindi, la valutazione di un atto di donazione di azioni deve estendersi alla verifica della finalità perseguita, a prescindere dal significato strettamente economico della disposizione patrimoniale. Inoltre, rimuovere, attraverso l’atto di donazione suddetto, la prospettiva immediata di un’azione sociale di responsabilità, integra il dolo specifico richiesto dalla fattispecie ovvero lo scopo di procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto. Sono queste le principali indicazioni desumibili dalla sentenza n. 17939 di ieri della Cassazione.

Il caso di specie, in estrema sintesi, vedeva alcuni azionisti di minoranza ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU