X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 17 gennaio 2021

LETTERE

Nell’area Euro, sono troppe le asimmetrie finanziarie, economiche e politiche

Lunedì, 26 maggio 2014

x
STAMPA

Gentile Redazione,
mi complimento per l’articolo di Stefano Pignatelli pubblicato su Eutekne.info del 23 maggio (si veda “E se la Germania abbandonasse l’euro?”).

Rilevo soltanto che se la Germania non volesse abbandonare l’euro, le considerazioni svolte sulle asimmetrie economiche individuate rimangono.

Per onestà intellettuale, andrebbe chiarito perché l’abbandono della moneta da parte dei Paesi periferici in tal caso non possa essere un’opzione.

Il dramma sociale che stiamo vivendo (e ça va sans dire che il dramma sociale segue quello finanziario prima e quello economico dopo) impone scelte immediate oramai improcrastinabili, soprattutto sul piano della gestione monetaria della crisi.

Gli strumenti a disposizione sono governati dalla Bce e per essa dalla Banca centrale tedesca e quindi dalla governance che essa sostiene.

Le asimmetrie incominciano ad essere troppe.
Finanziarie, economiche e infine anche politiche.

Ma stiamo parlando di Stati Uniti di Europa???


Mirco Chiodi
Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Ancona

TORNA SU