X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Non c’è esenzione IVA per la vendita di «carte sconto»

Secondo la Corte Ue non è applicabile a tale cessione l’esenzione prevista per le operazioni finanziarie

/ Giorgio CONFENTE e Emanuele GRECO

Venerdì, 13 giugno 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La vendita di “carte sconto” non costituisce operazione esente IVA, in quanto estranea all’ambito applicativo dell’art. 135 paragrafo 1 della direttiva 2006/112/CE (già art. 13 della direttiva 77/388/CEE). Lo ha affermato la Corte di Giustizia dell’Unione europea, con sentenza di ieri 12 giugno 2014, riferita alla causa C-461/12.

Il caso è relativo a una società di diritto olandese, emittente e venditrice di tessere “sconto” che, all’epoca dei fatti, venivano cedute ai clienti per un prezzo tra 15 e 25 euro, accordando il diritto all’acquisto di beni e servizi a condizioni di favore presso esercenti di vario genere.
La società riteneva che l’emissione e la vendita delle carte in argomento potessero considerarsi esenti da IVA, in quanto

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU