X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Auto strumentali «fuori» dal redditometro

La Regionale di Milano afferma l’irrilevanza delle percentuali di deducibilità indicate dall’art. 164 del TUIR

/ Alfio CISSELLO

Venerdì, 3 ottobre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Commissione tributaria regionale di Milano, con una sentenza dello scorso 26 giugno, ha stabilito che le autovetture utilizzate nell’ambito dell’impresa, dell’arte o della professione non valgono ai fini del c.d. “redditometro”.
Oltre a ciò, i giudici analizzano una questione della massima importanza, relativa alla valenza, in detto ambito, delle percentuali di deducibilità dell’art. 164 del TUIR (gli uffici sono soliti considerare l’auto “personale” nei limiti in cui la deduzione dal reddito d’impresa o professionale non è ammessa).

Viene affermato che “la misura forfettaria disposta dall’articolo citato non ha nulla a che vedere con la disciplina del redditometro e non può essere applicata al fine di sostenere una presunzione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU