ACCEDI
Martedì, 27 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Controllo tempestivo dei sindaci sui primi segnali di crisi

/ Michele BANA

Lunedì, 13 ottobre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Né la disciplina civilistica, né quella concorsuale, contengono specifiche disposizioni in materia di crisi d’impresa, rivolte direttamente all’organo sindacale (collegio o sindaco unico) del debitore: un valido ausilio è, pertanto, costituito dalla norma di comportamento n. 11, emanata dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, che fornisce utili indicazioni sull’attività di controllo da svolgere, a partire da quella riguardante la fase di prevenzione ed emersione della crisi.

Tale documento evidenzia, infatti, “quale potrebbe essere il corretto comportamento dei controllori da quando si verificano i primi segnali di crisi della società a quando se ne tenta una soluzione negoziale, fino alla procedura fallimentare vera e propria”. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU