X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Resta reato l’omesso versamento IVA oltre i 150.000 euro

La bozza di decreto sull’abuso del diritto reintroduce anche la rilievanza penale per omessa e infedele dichiarazione dei sostituti d’imposta

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 11 dicembre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Esclusione dell’abrogazione dell’omesso versamento IVA, ma mero innalzamento della soglia di punibilità a più di 150.000 euro per ciascun periodo d’imposta (soglia ripresa anche per la dichiarazione infedele), reintroduzione della rilevanza penale delle condotte di omessa e infedele dichiarazione dei sostituti d’imposta e specificazione della riconducibilità alle fattispecie dichiarative anche delle omesse indicazioni o delle fittizie menzioni di componenti che incidono sulla determinazione dell’imposta dovuta. Sarebbero queste le principali novità penali tributarie contenute nell’ultima versione dello schema di DLgs. delegato sull’abuso del diritto in attesa di approvazione da parte del Governo.

Se tali disposizioni trovassero conferma ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU