ACCEDI
Giovedì, 13 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Nuove prove di razionalizzazione delle partecipate pubbliche

Il Ddl. di stabilità punta a ridurre, entro il 31 dicembre 2015, le partecipazioni societarie dirette o indirette

/ Davide DI RUSSO

Giovedì, 18 dicembre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il legislatore tenta, all’art. 2, commi da 268 a 271 del Ddl. di stabilità (A.S. 1698, che oggi dovrebbe approdare all’esame dell’Aula), salvo l’inserimento di ulteriori modifiche, l’ennesima operazione di razionalizzazione della galassia delle partecipate pubbliche.

L’obiettivo dichiarato è pervenire, entro il 31 dicembre 2015, alla riduzione delle partecipazioni societarie – dirette o indirette – di enti locali, Regioni, Province autonome di Trento e Bolzano, Camere di commercio, università, istituti di istruzione pubblici e autorità portuali.

Il Ddl. prescrive agli organi di vertice delle amministrazioni interessate l’adozione, entro il 31 marzo 2015, di un piano operativo di razionalizzazione, con indicazione di modalità, tempi di attuazione ed esposizione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU