ACCEDI
Mercoledì, 19 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Legittimazione attiva del curatore nell’azione di responsabilità

L’azione promossa ai sensi dell’art. 146 L. fall. compendia quelle esercitabili ex artt. 2393 e 2394 c.c., perché diretta a reintegrare il patrimonio societario

/ Cristiano BERTAZZONI

Mercoledì, 14 gennaio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’azione di responsabilità esercitata dal curatore ai sensi dell’art. 146 L. fall. cumula le azioni previste dagli artt. 2393 e 2394 c.c., a favore della società e dei creditori sociali. Pertanto, il curatore può agire contro amministratori e sindaci sulla base dei presupposti relativi sia alla responsabilità contrattuale verso la società, sia alla responsabilità extracontrattuale nei confronti dei creditori (cfr. Cass. nn. 17121/2010 e 15955/2012).

Nel caso di specie, tratto da una recente pronuncia di merito (Trib. Palermo 11 dicembre 2014), il curatore chiede la condanna al risarcimento del danno (quantificato in somma pari alla differenza tra attivo e passivo fallimentare) all’amministratore unico della fallita srl, per avere causato il dissesto della società, avendo omesso ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU