X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Omessi versamenti previdenziali, vale anche la raccomandata non ritirata

La spedizione ad un valido indirizzo soddisfa l’onere informativo dell’INPS

/ Francesca TOSCO

Mercoledì, 14 gennaio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

In relazione al reato di omesso versamento delle ritenute previdenziali ed assistenziali sulle retribuzioni dei lavoratori, la comunicazione della contestazione dell’accertamento della violazione è a forma libera, cosicché anche il mancato ritiro e la “compiuta giacenza” della raccomandata inviata dall’INPS possono essere oggetto di valutazione per quanto riguarda la prova dell’avvenuta comunicazione. È questo il principio sancito dalla Cassazione nella sentenza n. 968 depositata ieri.

Ai sensi dell’art. 2, comma 1-bis del DL 463/1983, il reato in oggetto è punito con la reclusione fino a 3 anni e con la multa fino a 1.032 euro. Il datore di lavoro non è, tuttavia, punibile se provvede al versamento entro 3 mesi dalla contestazione o dalla notifica dell’avvenuto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU