X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per l’IVA di gruppo opzione solo con controllo diretto

Il beneficio è riconosciuto anche alla sub-holding, se rinunciano tutte le controllanti di livello superiore

/ Michele BANA

Mercoledì, 14 gennaio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il prossimo 16 febbraio 2015 scade il termine per l’esercizio tempestivo – derogabile tramite l’istituto della remissione in bonis (art. 2 del DL 16/2012) – dell’opzione per la liquidazione dell’IVA di gruppo prevista dall’art. 73, comma 3 del DPR 633/1972, così come attuato dal DM 13 dicembre 1979.

La manifestazione di tale facoltà, da parte della controllante, consente a quest’ultima di effettuare, ai fini dell’imposta sul valore aggiunto, i versamenti dovuti dalle società appartenenti alla fiscal unit, per l’ammontare complessivo del debito della controllante e delle proprie controllate, al netto delle eccedenze detraibili risultanti dalle liquidazioni periodiche.

L’esercizio dell’opzione per l’IVA di gruppo presuppone, pertanto, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU