X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

IMPRESA

Punibili come inesistenti anche le fatture «d’acconto»

Secondo la Cassazione, per la configurazione del delitto di cui all’art. 8 del DLgs. 74/2000 è sufficiente il mero compimento dell’atto

/ Maria Francesca ARTUSI

Mercoledì, 18 febbraio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Un’interessante problematica relativa al delitto di emissione di fatture inesistenti, di cui all’art. 8 del DLgs. n. 74/2000, è stata portata all’attenzione della Corte di Cassazione, che si è pronunciata con sentenza n. 6842 depositata ieri.

Il caso di specie riguardava l’emissione di una fattura da parte del titolare di una ditta individuale nei confronti di una società in nome collettivo gestita dal medesimo. L’operazione avrebbe dovuto riguardare la creazione di un resort di lusso, successivamente non andata a buon fine per l’interruzione dei finanziamenti da parte di una società di leasing. Ma la Corte d’Appello aveva rilevato che al contratto a cui si riferiva la fattura non era mai stata data esecuzione e che non è possibile fatturare “ ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU