X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Percentuali di ricarico da applicare su un paniere «ragionato» di beni

La Cassazione sancisce che occorre vagliare quale attività esercita il contribuente

/ Alfio CISSELLO

Giovedì, 5 marzo 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Sovente l’Agenzia delle Entrate procede alla determinazione di ricavi presunti applicando le c.d. “percentuali di ricarico”, e ciò trova fondamento normativo nell’art. 62-sexies del DL 331/93.
La percentuale di ricarico è, in sostanza, la maggiorazione che l’impresa applica al prezzo di acquisto al fine di determinare il prezzo di vendita.

Si capisce, quindi, come detta tipologia di accertamento si profili complicata se effettuata nei confronti di imprese che commercializzano prodotti merceologicamente diversi, o nei confronti di imprese che operano con caratteri di stagionalità ed hanno periodi di saldi e di liquidazioni.
Talvolta, la percentuale viene determinata prendendo come punto di riferimento le medie di settore, oppure quelle utilizzate dallo stesso contribuente

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU