X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 27 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Sul riconoscimento dei lodi arbitrali esteri registro con dubbi

/ Alfonso BADINI CONFALONIERI

Martedì, 13 ottobre 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per ottenere l’esecuzione in Italia di un lodo arbitrale reso all’estero occorre un provvedimento della Corte d’appello del luogo di residenza del debitore (c.d. “exequatur”), che accerti la regolarità formale del lodo stesso (art. 839 c.p.c.). La Corte non può entrare nel merito della controversia, già decisa dal lodo (che è eventualmente impugnabile secondo la disciplina sua propria); deve solo verificare che la controversia potesse essere soggetta ad arbitrato e che il lodo non contenga disposizioni contrarie all’ordine pubblico. Per questo, il procedimento rientra nella c.d. “volontaria giurisdizione”. Del resto, la norma italiana applica puntualmente la disciplina imperativa della Convenzione di New York del 1958 sul riconoscimento e sull’esecuzione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU