ACCEDI
Domenica, 14 aprile 2024

IL CASO DEL GIORNO

Opzione «irrevocabile» per la cessione di fabbricati

/ Emanuele GRECO e Anita MAURO

Sabato, 20 febbraio 2016

x
STAMPA

download PDF download PDF

A seguito della riforma di cui al DL 83/2012, da alcuni anni la disciplina IVA per le cessioni di fabbricati è caratterizzata – salvo specifiche ipotesi – da un lato, da un regime “naturale” di esenzione e, dall’altro, dalla facoltà per il cedente di optare per l’imponibilità.
La facoltà di applicare l’IVA per la cessione di fabbricati è attribuita:
- al costruttore o ristrutturatore dell’immobile, decorsi 5 anni dall’intervento, per tutte le tipologie di fabbricati;
- alla generalità dei soggetti passivi IVA (diversi dal costruttore o ristrutturatore dell’immobile), per i soli fabbricati strumentali.

Tanto per i fabbricati abitativi quanto per gli strumentali, se il cedente ha optato per il regime di imponibilità, vi è l’obbligo di inversione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU