X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Non vanno autorizzati gli strumenti audiovisivi necessari alla prestazione

Anche se si tratta di potenziali strumenti di controllo, il DLgs. 151/2015 esclude la necessità di accordo sindacale o autorizzazione ministeriale

/ Mario PAGANO

Martedì, 22 marzo 2016

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 23 del DLgs. 151/2015 ha dato attuazione all’art. 1 comma 7 lett. f) della L. 183/2014, che aveva previsto la revisione della disciplina dei controlli a distanza, tenendo conto dell’evoluzione tecnologica e contemperando le esigenze produttive e organizzative dell’impresa con la tutela della dignità e della riservatezza del lavoratore.
Il legislatore ha, conseguentemente, apportato alcune rilevanti modifiche alla norma di riferimento in tema di controlli a distanza, l’art. 4 della L. 300/70, in parte confermandone la pregressa impostazione, in parte innovandone i contenuti.

Rispetto alle prime ipotesi di modifica alla disposizione de qua, è rimasto pressoché inalterato il ruolo delle Direzioni Territoriali del Lavoro, che intervengono con proprio provvedimento ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU