X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 23 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Valida la notifica via PEC alla società cancellata dal Registro Imprese

Con il DL 179/2012, che ha modificato l’art. 15 L. fall., si è voluto semplificare la procedura di notificazione

/ Roberta VITALE

Mercoledì, 14 settembre 2016

La Cassazione, nella sentenza n. 17946 depositata ieri, torna sulla questione della validità della notificazione via PEC del ricorso per la dichiarazione di fallimento, disposta ai sensi dell’art. 15, comma 3 L. fall. – così come sostituito dall’art. 17, comma 1, lett. a) del DL 179/2012 (conv. L. 221/2012) –, alla società cancellata dal Registro Imprese.

È di pochi giorni fa, infatti, la sentenza della Suprema Corte n. 17884/2016, che, riprendendo i principi stabiliti dalla Corte Costituzionale nella sentenza n. 146/2016, li ha ritenuti applicabili anche, nell’ambito della procedura di notificazione prefallimentare, all’imprenditore individuale cancellato dal Registro Imprese per cessata attività e che ha disattivato la propria PEC nel termine annuale entro il quale ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU