X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 27 novembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Valore contabile rilevante per IMU e TASI

/ Arianna ZENI

Sabato, 20 maggio 2017

x
STAMPA

download PDF download PDF

Anche per gli immobili di proprietà o detenuti dalle imprese (ad eccezione degli immobili “merce” per i quali è possibile beneficiare dell’esenzione), entro il 16 giugno 2017 deve essere versata la prima rata dell’IMU per l’anno 2017.

Come già avveniva per l’ICI, l’imposta municipale relativa ai fabbricati classificabili nel gruppo “D” (fabbricati a destinazione speciale, quali gli opifici), non iscritti in Catasto (quindi sprovvisti di rendita), interamente posseduti da imprese e distintamente contabilizzati, deve essere calcolata sul valore in bilancio moltiplicato per specifici coefficienti che vengono aggiornati annualmente con un decreto ministeriale.

Ai sensi dell’art. 7 comma 3 del DL 333/92, cui rimanda il DLgs. 504/92 e che

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU