Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 4 dicembre 2022

FISCO

L’omessa comunicazione dell’udienza non incide sul termine per impugnare

Rimane isolato un precedente del 2013 che si era espresso in senso opposto

/ Antonino RUSSO

Lunedì, 26 febbraio 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Sembrano rimanere isolate le indicazioni, rese nel 2013 dalla Cassazione nella sentenza n. 6048, nel caso di mancato inoltro (alla parte poi soccombente) delle comunicazioni di fissazione dell’udienza di trattazione e di deposito della sentenza; con tale arresto si riteneva ammissibile l’impugnazione tardiva di una pronuncia assumendo la decorrenza del dies a quo per proporre l’impugnazione a far data dal momento della effettiva conoscenza, in capo alla parte interessata, dell’avvenuto deposito della decisione ad essa sfavorevole.

In un caso assolutamente simile a quello descritto, la Suprema Corte, con l’ordinanza n. 2764 del 5 febbraio 2018, ha di fatto salvato la pronuncia di grado inferiore, posto che – secondo l’argomentazione resa nell’arresto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU