Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 11 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Inefficacia di atti del socio in difetto di rappresentanza eccepibile solo dalla snc

Non è rilevabile dall’altro contraente, cui compete eventualmente il risarcimento del danno

/ Francesca TOSCO

Lunedì, 26 febbraio 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

La speciale normativa che regola la rappresentanza sociale da parte dei soci delle società di persone prevale sulla disciplina del codice di procedura civile.
È quanto emerge dalla sentenza n. 3416/2018, con cui la Cassazione ha confermato che l’ipotesi di rappresentanza processuale esercitata da un solo socio amministratore nell’ambito di una snc in regime di amministrazione congiuntiva non si configura come attività in difetto di rappresentanza o autorizzazione ex art. 182 c.p.c. – che, nel testo ratione temporis applicabile, prevedeva che il giudice, rilevato un tale difetto, potesse concedere un termine per la regolarizzazione, salvo che fosse intervenuta una decadenza – bensì come un’ipotesi di inefficacia temporanea e interna, sino a ratifica della società, dell’attività

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU