Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 18 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il redditometro non fa rivivere l’obbligo dichiarativo

Se il contribuente non è tenuto a inviare la dichiarazione, il termine di accertamento non è quello lungo

/ Antonio NICOTRA

Lunedì, 26 febbraio 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con sentenza n. 515/14/18 del 7 febbraio 2018, la Regionale della Lombardia stabilisce che il maggiore reddito dedotto dall’Ufficio, attraverso gli indici presuntivi preposti alla determinazione sintetica del reddito complessivo, non è oggetto di dichiarazione fiscale per il contribuente-sostituito d’imposta, il quale resta esonerato dall’obbligo dichiarativo (se, comunque, possiede solo redditi di lavoro dipendente erogati da un solo sostituto d’imposta).
Conseguentemente, non ricorre una ipotesi di omissione della dichiarazione che legittima l’Ufficio a procedere all’accertamento nel più lungo termine di decadenza di cui all’art. 43 comma 2 del DPR 600/73.

La vicenda trae origine da un avviso di accertamento con il quale veniva rideterminato sinteticamente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU