X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 26 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Con IVA i servizi pubblici resi da società partecipate ai Comuni

Il fatto che si tratti di un esercizio di funzioni per uno scopo di interesse generale non è rilevante per valutare se la prestazione sia a titolo oneroso

/ Barbara ROSSI e Fabio Tullio COALOA

Venerdì, 23 febbraio 2018

Con la sentenza pubblicata ieri (causa C-182/17, NTN), la Corte di Giustizia Ue torna a occuparsi della nozione di “ente di diritto pubblico”, contenuta nell’art. 13 della direttiva 2006/112/CE, fornendo interessanti chiarimenti interpretativi.

Nel caso analizzato dalla Corte, una srl ungherese senza scopo di lucro, detenuta al 100% da un Comune, aveva con quest’ultimo stipulato un contratto in forza del quale si impegnava, dietro compenso e attraverso l’utilizzo di beni messi a disposizione dal Comune stesso, a realizzare determinati compiti pubblici (manutenzione dei parchi, degli spazi pubblici e di altre aree verdi, etc.).
A detta srl, l’autorità fiscale ungherese contestava, in sintesi, il non aver considerato lo svolgimento delle attività derivanti dal

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU