X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 22 luglio 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Nel consolidato fiscale, la controllante può far valere le perdite di controllate e branch estere

Secondo la Corte di Giustizia, ciò è possibile se le perdite non sono utilizzate nei rispettivi Stati di residenza

/ Gianluca ODETTO

Venerdì, 23 febbraio 2018

Negli ultimi tempi si sono moltiplicate le cause presso la Corte di Giustizia dell’Unione europea aventi ad oggetto la compatibilità con il diritto comunitario delle legislazioni degli Stati membri che impediscono di includere nel consolidato fiscale le controllate estere e le stabili organizzazioni all’estero.
Nei ricorsi viene, infatti, eccepita la violazione della libertà di stabilimento, in quanto consolidare un’entità residente nello stesso Stato membro della capogruppo comporta la possibilità di utilizzare le perdite di questa entità a riduzione dell’imponibile di gruppo, possibilità invece preclusa per le perdite delle entità estere; si tratterebbe di una restrizione contraria al diritto di stabilimento, essendo suscettibile di determinare un trattamento preferenziale

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU