X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Nelle società ristrette, al socio non si può contestare l’omessa dichiarazione

Per la Provinciale di Brescia, infatti, il reddito di capitale imputato è tale solo per presunzione

/ Antonio NICOTRA

Mercoledì, 9 maggio 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’omessa dichiarazione di utili presuntivamente percepiti dal socio di una società di capitali a ristretta base sociale, costituisce una presunzione (di secondo grado), cui ricorre talvolta l’Amministrazione per motivare il prolungamento dei termini dell’accertamento (art. 43, comma 3 del DPR n. 600/73 e art. 57 del DPR n. 633/72).

La concatenazione di presunzioni è tale per cui dal fatto presunto – la distribuzione di utili, dedotta dalla ristretta base societaria – si rinviene la seconda presunzione – l’omessa presentazione della dichiarazione per questi proventi – dalla quale l’Amministrazione fa discendere la legittimità all’esercizio del potere accertativo nel maggior termine di decadenza.
Con sentenza n. 127/4/18 del 28 febbraio 2018, la Commissione tributaria ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU