X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 24 settembre 2018 - Aggiornato alle 6.00

Economia & Società

In Europa maggiori rischi politici rispetto a quelli economici

L’Italia è sotto osservazione con gli operatori ipersensibili

/ Stefano PIGNATELLI

Venerdì, 22 giugno 2018

Fino a ieri pomeriggio avevamo tassi uguali a quelli di una settimana fa: poi si è vista tutta la fragilità della situazione in Italia dove la nomina alla presidenza delle Commissioni Finanze e Bilancio alla Camera e al Senato di persone non gradite ai mercati, ha provocato un rialzo dei rendimenti su tutte le scadenze e quindi dello spread che dai minimi di 217 sale verso 240 bps.

E dire che in settimana la carta italiana è stata molto ben intonata vuoi per i tranquillizzanti interventi di alcuni Ministri, vuoi per i toni accomodanti di Draghi alla riunione di una settimana fa. Si sono addirittura avuti dei segnali molto incoraggianti con i rendimenti Bund e Btp che si sono mossi entrambi al ribasso anche nelle giornate di aumento dell’avversione al rischio a seguito dell’acuirsi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU