ACCEDI
Martedì, 25 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Il redditometro rispetta la privacy

La Suprema Corte ha stabilito che il DM 24 dicembre 2012 non può essere ritenuto nullo per carenza di potere

/ Roberta VITALE

Giovedì, 5 luglio 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Legittima l’applicazione della disciplina sul redditometro. È quanto stabilito dalla Cassazione, nell’ordinanza n. 17485 depositata ieri, con riferimento al DM 24 dicembre 2012.
Si fa presente sul punto che, in base al decreto “dignità”, il DM 16 settembre 2015, che ha aggiornato il DM sopra citato, è abrogato con decorrenza dal 2016.

Nel caso di specie, un contribuente presentava ricorso al giudice ordinario contro l’Agenzia delle Entrate per il riconoscimento ex ante, in forza del Codice della privacy, della gravità dei pregiudizi e dei danni alla tutela dei dati personali derivanti dall’applicazione delle procedure di accertamento secondo le modalità di cui al DM 24 dicembre 2012, istitutivo del “redditometro”.
Veniva, inoltre, richiesto di ordinare ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU