X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 28 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

L’inquadramento dei premi INAIL non è retroattivo

/ Alfio CISSELLO

Mercoledì, 12 settembre 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Talvolta accade che l’INAIL, riscontrando un inquadramento INPS diverso da quello dall’INAIL stesso attribuito a seguito della denuncia del datore di lavoro, richieda al medesimo la differenza di premi dovuta.
Il caso classico consiste in un verbale di accertamento INAIL in cui si motiva il cambiamento di posizione assicurativa da “Terziario” a “Industria” sulla base dell’inquadramento effettuato dall’INPS ex art. 49 della L. 88/1989.

Se detta condotta può ritenersi legittima, siccome l’INAIL è tenuto a recepire l’inquadramento effettuato dall’INPS, altrettanto non può dirsi per la richiesta dei premi in via retroattiva.
L’art. 10 comma 3 del DM 12 dicembre 2000 sancisce che “l’INAIL, istituito il rapporto assicurativo, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU