X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Ripresentazione della sospensiva in Regionale meno stringente

/ Alfio CISSELLO

Venerdì, 7 settembre 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

A seguito della riforma del contenzioso tributario attuata con il DLgs. 24 settembre 2015 n. 156, ora la tutela cautelare è ammessa in ogni stato e grado del processo, potendosi sospendere l’efficacia della sentenza e/o dell’atto anche in pendenza di appello o di ricorso per Cassazione.

In quest’ultimo caso, la sospensione acquista un rilievo particolare: da un lato, come sancisce l’art. 68 del DLgs. 546/92, la riscossione, dopo la sentenza della Regionale, avviene per l’intero non solo per le imposte, ma altresì in merito ad interessi e sanzioni. Dall’altro, il processo di Cassazione ha tempi molto lunghi, potendo durare anche più di sei o sette anni.
La procedura da seguire è contenuta nell’art. 62-bis del DLgs. 546/92, che si differenzia rispetto alle ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU