X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 18 novembre 2018

Iniziative di Categoria

Protocollo d’intesa tra CNDCEC e Cluster Agrifood nazionale

/ REDAZIONE

Venerdì, 19 ottobre 2018

Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabili prosegue nel suo programma di azioni collegate ai principali Cluster tecnologici nazionali, nel suo obiettivo di ampliare le competenze professionali e gli ambiti di attività degli iscritti. Dopo aver sottoscritto protocolli d’intesa con i principali enti che si occupano dello sviluppo dell’economia del mare, il focus si è spostato sul cluster agroalimentare.

Nei giorni scorsi, infatti, il CNDCEC ha firmato un accordo con il CL.A.N. (Cluster Agrifood nazionale), partenariato di imprese, università, enti di formazione e distretti tecnologici che si pone come obiettivo promozione, difesa e incremento della competitività del sistema economico nazionale afferente alla filiera agroalimentare.

Obiettivi condivisi dal Consiglio nazionale di categoria che, in funzione della valorizzazione dell’attività dei commercialisti in questo ambito, si propone di favorire la competitività delle imprese agroalimentari attraverso l’innovazione sostenibile dei processi produttivi e l’espansione verso i mercati esteri.

I due enti si coordineranno tra di loro (da parte del CNDCEC i rapporti saranno gestiti dal Segretario Achille Coppola e dal Consigliere Giuseppe Laurino) per definire azioni sinergiche da svolgere congiuntamente, come l’organizzazione di eventi scientifici e culturali, la realizzazione di studi o l’analisi di specifiche problematiche tecnico-professionali che coinvolgono il settore e possono beneficiare delle competenze dei commercialisti.
In più, si potrà lavorare a proposte comuni di revisione della normativa vigente, per ciò che attiene al sostegno e allo sviluppo dell’attività d’impresa nel settore agroalimentare.

TORNA SU