X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 18 novembre 2018

Lettere

Incoerenze nelle definizioni per le sanzioni scollegate dal tributo

Lunedì, 29 ottobre 2018

Spettabile Redazione,
fatta la doverosa premessa per cui in linea generale i condoni non ci piacciono, e che è difficile ragionare in tale ambito in termini di principi di uguaglianza o capacità contributiva, visto che sono provvedimenti strutturalmente contrari a tali principi, può succedere che tali provvedimenti contengano falle che li rendono incoerenti.

Un caso che ho notato è quello dell’irrogazione di sanzioni scollegate dal tributo. Questi casi (di solito sono gli atti di contestazione) risultano definibili in misura agevolata soltanto se è stato avviato un contenzioso (art. 6 comma 3), ma non se sono solo oggetto di PVC oppure di atti di contestazione “sospesi” per effetto della presentazione di memorie difensive ex art. 16 comma 4 del DLgs. 472/1997 (non sono atti impugnabili).
Al contrario, se una sanzione è irrogata in collegamento col tributo, essa viene totalmente abbuonata versando l’imposta anche prima che sia emesso l’atto di accertamento definitivo (art. 1 comma 5 del decreto).

Mi pare che sarebbe coerente (ma volutamente non uso il termine “corretto”) prevedere la possibilità di definizione agevolata anche di tali atti.
Riduzione che dovrebbe applicarsi in aggiunta a quella a un terzo già prevista dall’art. 16 comma 3 del DLgs. 472/97, visto che quest’ultima è applicabile anche ai casi in cui viene irrogata in collegamento col tributo e che può essere totalmente azzerata versando il tributo stesso.

Insomma, ci sembra incoerente che chi viene pizzicato a tenere un comportamento illecito possa azzerare la sanzione se essa era correlata a un tributo, mentre non possa nemmeno ridurla se la sanzione non era correlata al tributo.


Giampiero Guarnerio
Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano

TORNA SU