X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 18 febbraio 2019 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Rivalutazione anche per le partecipazioni in società estere

Si impongono, però, valutazioni accurate in vista del passaggio alla tassazione generalizzata del capital gain con l’imposta del 26%

/ Gianluca ODETTO

Lunedì, 5 novembre 2018

La riapertura delle disposizioni sulla rideterminazione del costo o valore di acquisto delle partecipazioni non quotate, che si prospetta dalla lettura del Ddl. di bilancio 2019, impone nuovamente alcune valutazioni in merito alle partecipazioni in società non residenti per le quali è in programma la cessione.

L’operazione determina indubbi benefici ai fini della tassazione italiana, mentre non dovrebbe esplicare efficacia ai fini delle imposte da assolvere nello Stato estero, se esistenti. Benché, infatti, le Convenzioni contro le doppie imposizioni assegnino in modo esclusivo allo Stato di residenza del cedente il potere di tassare queste plusvalenze, questo principio è derogato in alcune situazioni specifiche, nelle quali le singole Convenzioni lasciano anche all’altro Stato il

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU