X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

I rimborsi IVA non possono essere sottoposti a fermo

In ragione dell’esistenza di norme specifiche, non si applica la disciplina del fermo amministrativo

/ Antonio NICOTRA

Giovedì, 1 novembre 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 27784 depositata ieri, la Cassazione stabilisce che, ai fini della sospensione del rimborso IVA, l’art. 38-bis del DPR 633/72 è norma speciale, idonea ad escludere l’applicazione della disciplina del fermo amministrativo. Non dà luogo alla sospensione del rimborso IVA, ed è del tutto irrilevante, la presenza di carichi provvisoriamente sgravati, ma ancora pendenti in ragione dell’esecuzione di una sentenza non definitiva.

Nel caso di specie, la società contribuente impugnava il provvedimento con cui l’Amministrazione finanziaria aveva disposto la sospensione del rimborso di crediti IVA per l’esistenza di carichi pendenti “ostativi”, i cui ruoli erano, tuttavia, stati oggetto di sgravio in esecuzione di una sentenza non ancora passata

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU