X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 16 dicembre 2018

Impresa

Non sempre la società esterovestita è mero schermo

Solo qualora si accerti la natura fittizia della società si può disporre il sequestro per equivalente

/ Stefano COMELLINI

Giovedì, 8 novembre 2018

Ai fini del sequestro per equivalente del profitto del reato tributario, non sempre la società esterovestita può considerarsi un mero schermo, costituito solo al solo fine di evasione fiscale. Di qui, la necessità di un preciso accertamento sula fittizietà o meno dell’attività svolta dall’ente, per individuare i corretti criteri di applicazione del vincolo cautelare. Il principio, espresso dalla Cassazione con la sentenza n. 50151 depositata ieri, va ad unirsi alla copiosa giurisprudenza di legittimità riprendendo temi già più volte percorsi.

Il ricorso riguardava il sequestro di beni (strumenti finanziari, beni mobili e immobili) a seguito della contestazione agli indagati di aver costituito una società, con sede in territorio sloveno, allo scopo di “esterovestire” l’attività

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU