X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 15 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Obbligo di notifica al coobbligato dell’accertamento esecutivo

L’atto va motivato in relazione alla c.d. chiamata in solido

/ Andrea CARINCI

Sabato, 1 dicembre 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’accertamento esecutivo, di cui all’art. 29 del DL n. 78/2010, la riscossione del tributo in capo al coobbligato va operata direttamente mediante la notifica dell’avviso di accertamento. Con l’accertamento esecutivo, difatti, l’avviso di accertamento viene a svolgere le funzioni che sono proprie sia dell’atto impositivo, sia del titolo esecutivo come pure del precetto.

Non a caso, l’atto di accertamento deve contenere, oltre alla determinazione dei profili qualitativi e quantitativi della pretesa, l’intimazione ad adempiere al pagamento degli importi richiesti entro il termine di presentazione del ricorso, nonché l’avvertimento che, decorsi trenta giorni dalla scadenza di tale termine, la riscossione è affidata agli agenti della riscossione

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU