X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 luglio 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Sempre da indicare l’ammontare del plafond nella dichiarazione d’intento

È comunque ammessa la successiva rettifica in aumento o in diminuzione

/ Mirco GAZZERA

Sabato, 15 dicembre 2018

Gli esportatori abituali devono programmare la tempestiva predisposizione delle dichiarazioni d’intento, qualora intendano avvalersi nel 2019 della facoltà di acquistare beni e servizi o importare beni senza pagamento dell’IVA ex art. 8 comma 1 lett. c) del DPR 633/72.
Nella compilazione delle stesse è opportuno porre particolare attenzione all’importo del plafond che si intende utilizzare.

Ai sensi dell’art. 1 comma 1 lett. c) del DL 746/83, l’esportatore abituale che vuole esercitare la predetta facoltà è tenuto a redigere la dichiarazione d’intento e a:
- trasmetterla telematicamente all’Agenzia delle Entrate che rilascia apposita ricevuta;
- consegnarla o inviarla unitamente alla ricevuta al proprio fornitore, il quale ha l’obbligo di verificare

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU