X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 15 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Gestione separata INPS per commercialisti e praticanti avvocati

La previsione del contributo integrativo per i professionisti «senza cassa» non inibisce la forza espansiva dell’art. 2 comma 26 della L. 335/1995

/ Silvano IMBRIACI

Martedì, 18 dicembre 2018

Con una serie di pronunce intervenute nell’ultimo anno, la Cassazione ha definitivamente dato risposta a una questione molto dibattuta, quale l’iscrizione obbligatoria alla Gestione separata dell’INPS (art. 2, comma 26 della L. n. 335/1995) del professionista non iscritto alla Cassa previdenziale di appartenenza, ma comunque titolare di redditi derivanti dallo svolgimento di attività professionale.

Nella risoluzione della questione hanno rilevanza marginale i motivi per cui, di fatto, a fronte dell’iscrizione all’albo professionale, non risulta iscrizione alla Cassa; nel caso degli avvocati, per esempio, le controversie riguardano i periodi in cui tale iscrizione non era obbligatoria (Cass. n. 32167/2018) oppure l’ipotesi del praticante avvocato (Cass. n. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU