ACCEDI
Martedì, 25 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il comunicato stampa non è sufficiente a risolvere il dubbio interpretativo

Secondo la Cassazione, infatti, è necessario dare prevalenza alla buona fede del contribuente

/ Alice BOANO

Giovedì, 10 gennaio 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Cassazione, con l’ordinanza n. 370 depositata ieri, affronta l’importante questione della tutela del legittimo affidamento del contribuente, declinata con riferimento alla possibilità di compensare oltre il limite di legge i crediti IVA trimestrali.

Nel caso di specie, a un contribuente erano state irrogate sanzioni in ragione del superamento del plafond previsto in materia di compensazione IVA.
Secondo quanto affermato dall’Ufficio, i giudici di secondo grado avevano erroneamente ritenuto non dovute le sanzioni in questione, alla luce della risoluzione n. 218/2003 dell’Agenzia delle Entrate, “non potendo ritenersi mutato il parere dell’Amministrazione finanziaria a seguito dell’emissione del comunicato stampa del 20 luglio 2004, che in quanto atto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU