X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Revocatoria fallimentare contro l’assegno girato in bianco

Il possessore del titolo non è necessariamente il cessionario del credito

/ Antonio NICOTRA

Giovedì, 24 gennaio 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 1871, depositata ieri, stabilisce che, in tema di revocatoria fallimentare, la consegna al creditore di un assegno bancario o circolare emesso dal debitore all’ordine di un altro soggetto, e da questi girato in bianco al creditore, integra, salva prova contraria, un pagamento diretto del debitore al creditore e rappresenta un atto revocabile in presenza dei requisiti di cui all’art. 67 del RD 267/42.

Nel caso di specie, una società versava nella procedura di amministrazione straordinaria a causa del proprio stato di insolvenza. L’Amministrazione esercitava l’azione revocatoria fallimentare, ex art. 67 del RD 267/42, avverso i pagamenti eseguiti dalla società debitrice nell’anno antecedente la dichiarazione di insolvenza. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU