X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 18 febbraio 2019 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Per interrompere la prescrizione del bollo auto non basta l’iscrizione a ruolo

Si potrebbe ipotizzare la necessità, entro il termine di prescrizione triennale, di notificare un avviso di accertamento

/ Francesco BRANDI

Martedì, 12 febbraio 2019

In tema di riscossione della tassa automobilistica, ai fini del rispetto del termine triennale previsto per la riscossione di cui all’art. 5 del DL 953/1982 conv. dalla L. 53/1983, non è sufficiente che l’ente impositore (la Regione) abbia provveduto, nei termini, all’iscrizione a ruolo del tributo.
Lo ha stabilito la Cassazione con l’ordinanza n. 2014 del 24 gennaio con cui ha rigettato il ricorso della Regione Emilia Romagna.

La vicenda riguardava l’impugnazione di una cartella di pagamento per tassa automobilistica relativa al 2003, notificata nel 2007.
Sia la Provinciale che la Regionale accoglievano le doglianze del contribuente annullando la cartella impugnata, a nulla valendo che l’iscrizione a ruolo del tributo, con apposizione del visto di esecutorietà, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU