X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 20 aprile 2019 - Aggiornato alle 6.00

LETTERE

Bisognerebbe approfondire il ruolo dei commercialisti Navigator

Giovedì, 7 febbraio 2019

Gentile Direttore,
Con il DL n.4/2019 sul reddito di cittadinanza, prende sempre più forma la misura varata dall’attuale Governo.

Allo stato attuale il nodo critico per l’avvio completo del reddito di cittadinanza è quello della parte relativa alla gestione dell’accompagnamento dei beneficiari per la ricerca di un lavoro.
Su questo aspetto, sia per le criticità che hanno gli attuali centri per l’impiego e sia per i tempi di reclutamento e formazione dei “consulenti’ che dovranno supportare ed orientare i beneficiari del sostegno, ci sarebbero molte serie e concrete perplessità sull’avvio del reddito di cittadinanza nei tempi previsti dal Governo.

Considerando che:
- i profili richiesti per il personale che dovrà essere reclutato ed in particolare per i “Navigator” contengono requisiti che un giovane commercialista ha ampiamente. Anzi, non solo i percorsi formativi della nostra professione prevedono consulenza nella organizzazione e gestione del personale, ma per la nostra tipicità professionale potremmo essere noi a creare occasioni ed opportunità di lavoro anche tra i nostri clienti;
- siamo presenti in maniera capillare su tutto il territorio nazionale, abbiamo abbondanti competenze consulenziali, siamo iscritti ad un albo professionale; sicuramente tanti nostri giovani colleghi potrebbero svolgere al meglio tale ruolo.

Chiaramente la misura potrebbe anche essere temporanea e ponte fin quando si completano definitivamente le procedure per i Centri per l’impiego.
I tempi convenzionali tra ANPAL e Consiglio nazionale o Fondazione nazionale sarebbero veloci, compresa la verifica delle disponibilità dei giovani colleghi sul territorio nazionale. Il decreto potrebbe essere adeguato, se necessario, essendo in corso la conversione in legge.
Forse lancerei ai destinatari istituzionali la proposta di un supplemento di approfondimento su questa opportunità.


Antonio Griner
Consigliere ODCEC di Trani


TORNA SU