X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 20 aprile 2019 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Acquisti di libri all’estero soggetti a IVA anche se destinati a enti di formazione

/ REDAZIONE

Sabato, 9 febbraio 2019

Secondo quanto chiarito dall’Agenzia delle Entrate nella risposta a interpello n. 31, sono soggetti a IVA gli acquisti di libri presso fornitori Ue o extra-Ue da parte di una società italiana, su commissione di centri di formazione o ricerca in Italia ovvero di altri enti richiamati dall’art. 2 comma 5 lett. g-bis) della L. 128/2011 (biblioteche, archivi e musei pubblici, istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, educative e università).
Non rileva, infatti, la circostanza che l’art. 2 della L. 128/2011, nel caso di cessioni di libri nei confronti dei suddetti enti, consenta di non applicare le disposizioni in tema di determinazione del prezzo di vendita dei beni da parte dell’editore o dell’importatore.

L’Agenzia ricorda che per le cessioni di prodotti editoriali nel territorio dello Stato resta ferma l’applicazione del regime monofase di cui all’art. 74 comma 1 lett. c) del DPR 633/72, anche se, nel caso di prodotti oggetto di acquisto intra-Ue o di importazione, sono previste alcune specificità. In particolare, per tali operazioni, il soggetto tenuto ad assolvere l’imposta secondo il regime speciale è, in linea di principio, colui che acquista i libri o li importa per la successiva commercializzazione in Italia.

Pertanto, tenendo conto anche della natura unionale dell’IVA, l’Agenzia afferma che non è possibile considerare esclusi dal campo di applicazione dell’imposta gli acquisti di libri effettuati presso fornitori Ue o extra-Ue dalla società italiana per il fatto che i beni sono destinati agli enti di cui all’art. 2 comma 5 lett. g-bis) della L. 128/2011. L’applicazione della citata normativa di settore, infatti, non consente di ritenere dette operazioni fuori campo IVA.

Rimane ferma, anche in tal caso, l’applicazione del regime monofase, previo assolvimento dell’imposta. Tuttavia, qualora non sia applicato il regime speciale, gli acquisti intra-Ue di prodotti editoriali sono soggetti alle ordinarie disposizioni di cui al DL 331/93; per le importazioni, invece, l’imposta dovrà essere assolta dall’importatore in dogana, ai sensi dell’art. 69 del DPR 633/72, sul valore di transazione dei beni.

TORNA SU