X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 26 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il regime del margine si definisce nel quadro VO

Possibile il transito al regime forfetario se è stato disapplicato il regime speciale analitico

/ Emanuele GRECO e Paola RIVETTI

Giovedì, 18 aprile 2019

Il regime del margine si configura quale regime speciale IVA ed è disciplinato dagli artt. da 36 a 40 del DL 41/95 e, a livello comunitario, dagli artt. 311 e ss. della direttiva 2006/112/Ce.
Nell’ambito di tale regime speciale sono individuabili tre differenti modalità di applicazione (art. 36 del DL 41/95), con caratteristiche metodologiche e applicative proprie, vale a dire, in sintesi: il regime analitico di cui al comma 1 (ove il margine è determinato per singolo bene), il regime forfetario di cui al comma 5 (ove il margine è determinato applicando una percentuale prestabilita sul prezzo di vendita) e il regime globale di cui al comma 6 (ove il margine è determinato come differenza fra l’ammontare complessivo delle cessioni e quello degli acquisti).

Dal tenore letterale dell’art. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU