X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 24 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / OPERAZIONI STRAORDINARIE

Meglio la fusione intracomunitaria se il soggetto residente ha stabile all’estero

Solo per tali fusioni e non per le transfrontaliere si salvaguardano i soggetti residenti, fusi in soggetti residenti in altri Stati Ue, con S.O. all’estero

/ Enrico ZANETTI

Martedì, 26 marzo 2019

Se la fusione transfrontaliera implica la fusione o l’incorporazione di un soggetto italiano in un soggetto estero, la neutralità fiscale dell’operazione, per il Fisco italiano, sussiste limitatamente alle attività e alle passività che prima del perfezionamento dell’operazione facevano parte del patrimonio del soggetto fiscalmente residente nel territorio dello Stato e che, successivamente a tale perfezionamento, confluiscono nel patrimonio di una stabile organizzazione del soggetto non residente situata nel territorio dello Stato.

Questo principio è sancito sia dalla disciplina applicabile alla generalità delle fusioni transfrontaliere (art. 166 comma 3 lett. e) del TUIR), sia dalla specifica disciplina applicabile alle sole fusioni “intracomunitarie” (art. 179 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU