X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 24 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Remissione in bonis anche per il consolidato «tra sorelle»

La procedura deve essere applicata anche da parte della consolidata residente «designata»

/ Salvatore SANNA

Martedì, 26 marzo 2019

Con riferimento al regime del consolidato fiscale nazionale, il comma 2-bis dell’art. 117 del TUIR consente alle “sorelle”, sia società residenti in Italia sia stabili organizzazioni nel territorio dello Stato di società residenti in Stati dell’area europea (Stati Ue e SEE), di consolidare le proprie basi imponibili, qualora dette sorelle abbiano una “controllante europea” (società residente in Stati Ue e SEE).
Secondo l’attuale regime, quindi, una controllante europea può accedere alla fiscal unit, anche in mancanza di una stabile organizzazione in Italia, mediante la designazione di una delle sorelle controllate a esercitare l’opzione in qualità di consolidante.

I requisiti del controllo ai fini dell’accesso al consolidato devono sussistere ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU