X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 25 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

PIR meno rischiosi con il decreto «crescita»

Per gli anni 2019 e 2020 viene ridotta la partecipazione obbligatoria nelle PMI e nei fondi di venture capital

/ Salvatore SANNA

Martedì, 9 aprile 2019

Il decreto “crescita”, approvato con la formula “salvo intese” dal Consiglio dei Ministri del 4 aprile, riduce significativamente la quota dei valori e delle somme dei PIR che devono essere destinati alle PMI ed ai fondi di venture capital. Inoltre, è stato previsto un apposito regime transitorio che prevede l’incremento di tale quota dallo 0,71% (complessivamente pari all’1,42%) fino al raggiungimento dell’ammontare del 5% degli investimenti qualificati che era stato originariamente previsto per ciascuna tipologia di investimento (complessivamente pari al 10%).

I piani di risparmio a lungo termine (PIR) sono una specifica tipologia di investimento destinato alle persone fisiche residenti disciplinato dall’art. 1 commi 100-114 della L. 232/2016, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU