X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 24 maggio 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / OPERAZIONI STRAORDINARIE

Scambi «nazionali» di partecipazioni con neutralità fiscale condizionata

Il costo delle azioni date in permuta, da intendersi come valore fiscale delle partecipazioni, deve essere attribuito alle azioni o quote ricevute in cambio

/ Enrico ZANETTI

Martedì, 9 aprile 2019

Agli scambi di partecipazione mediante permuta che rientrano nell’ambito di applicazione dell’art. 177 comma 1 del TUIR si applica un regime di neutralità fiscale, tale per cui l’operazione di permuta “non dà luogo a componenti positivi o negativi del reddito imponibile”.

Questa perfetta neutralità fiscale dell’operazione è però soggetta a una condizione e a una esclusione parziale.
La condizione riguarda l’attribuzione del “costo delle azioni” date in permuta alle azioni o quote ricevute in cambio.
L’esclusione parziale riguarda l’eventuale pattuizione di conguagli in denaro.

Soffermandoci in questa sede sulla condizione, è agevole rilevare come l’art. 177 comma 1 del TUIR subordini il regime di neutralità fiscale ivi previsto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU