X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 25 maggio 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Istanza di sospensione post udienza in Cassazione rischiosa

Meglio accompagnare l’istanza di sospensione con la domanda di definizione delle liti

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Lunedì, 15 aprile 2019

La densa circolare n. 6/2019 in materia di definizione agevolata delle controversie tributarie è foriera di plurimi spunti di riflessione e di altrettanti dubbi interpretativi.
Nel novero dei dubbi interpretativi rientra senz’altro la sibillina affermazione riportata al § 7.1 (rubricato, “Effetti del perfezionamento”), ove l’Agenzia delle Entrate afferma che, nel caso di giudizio pendente in Cassazione per il quale il contribuente non abbia richiesto la sospensione ai sensi del comma 10 dell’art. 6, il deposito dell’istanza prima del deposito della sentenza della Cassazione – sia essa a favore o contro il contribuente – rende la sentenza inutiliter data e consente al contribuente di definire comunque la controversia.

L’affermazione dell’Agenzia ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU